Dove sono i mafiosi nigeriani in Italia?

L’ultima operazione della Procura di Torino ha causato più clamore per la polemica tra il procuratore capo Armando Spataro e il ministro dell’Interno Matteo Salvini, ma ha avuto il merito di riportare il tema della mafia nigeriana all’ordine del giorno. L’inchiesta ha colpito in particolare il gruppo Eye, tra i più potenti e numerosi, ma solo uno di quelli ormai radicati anche in Italia. La domanda su quanti siano gli affiliati a queste organizzazioni resta però di difficile soluzione. Si sa solo che sono centinaia, come dimostrano le inchieste succedutesi nell’ultimo decennio e le decine di relativi arresti. Intanto possiamo provare a capire dove agiscono.

Ciò che si sa è dove sono localizzati i nuovi mafiosi sbarcati in Italia: “Le presenze nigeriane più numerose si registrano nel Veneto, poi c’è il Piemonte, la Liguria, la Lombardia, infine la Campania” ha spiegato Franco Roberti, procuratore nazionale antimafia. E proprio sull’asse Padova-Torino si è sviluppata l’inchiesta di Spataro e colleghi che ha portato all’arresto di quindici persone. Sono emersi anche alcuni nomi che iniziamo a segnalare grazie a Padovaoggi: “Edoseghe Terry nato in Nigeria nel febbraio del 1985 e rintracciato presso la sua abitazione, a Padova. L’uomo è indagato per associazione di tipo mafioso e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Ezuma Christian Onya, rintracciato presso un’abitazione di Selvazzano. E’ coinvolto nella stessa indagine per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente.  Udeh Franca, è una nigeriana quarantaseienne che è legata all’Ezuma da una relazione sentimentale. Anche lei è indagata per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti”.

Quest’ultima inchiesta riporta le lancette indietro all’operazione Athenaeum conclusa dalla polizia locale di Torino nel settembre 2016 con 44 arresti. Un primo passo ufficiale contro la mafia nigeriana nel Nord Italia. Ma negli anni se ne sono succedute altre, come a Napoli con l’operazione Viola in seguito alla quale nel 2008 furono emesse 66 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di cittadini nigeriani. O a Perugia nel 2015, quando l’operazione Turnover portò all’arresto di 37 persone. Per concludere con le inchieste a Palermo contro la Black Axe, altro gruppo molto forte, che ha portato nel 2018 a condanne per 87 anni per 14 imputati.

Se ci chiediamo dove sono i gruppi mafiosi nigeriani, la risposta dunque è: ovunque. Si sono radicati da Nord a Sud partendo già negli anni ’90, quando i primi immigrati nigeriani avevano creato le comunità di braccianti agricoli in luoghi come Castelvolturno. Proprio i nigeriani sono infatti le prime vittime della mafia importata, con le donne destinate i massa a diventare schiave del sesso.5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.